Header Ads

Ho capito che era un volo veramente economico quando l’hostess mi ha chiesto di allacciare il nastro adesivo

Giovedì scorso ho preso un volo Alitalia da Milano Linate a Dusseldorf: orario di partenza 6:55 del mattino.

Arrivo a Linate, passo i controlli di sicurezza, controllo il numero del gate (A05) e mi siedo vicino all’area di imbarco.

Sono le 6:15: dopo pochi minuti il monitor che sino a pochi minuti prima indicava il mio volo fa apparire l’indicazione per Roma Fiumicino.

Rimango sbalordito: mi alzo, vado al monitor che elenca tutte le partenze e scopro che il mio volo è sparito dall’elenco.

Chiedo informazioni e mi viene detto che il volo partirà in ritardo perchè l’equipaggio ha deciso di aderire allo sciopero del personale Alitalia: dobbiamo attendere l’arrivo dell’equipaggio di riserva.

La notizia sconvolgente è che se le riserve non si presenteranno entro venticinque minuti il volo sarà annullato.

Per fortuna i riservisti arrivano in tempo, veniamo imbarcati con un ritardo di novanta minuti e finalmente si parte.

Trascorsi pochi minuti dal decollo sento arrivare uno spiffero d’aria gelata dall’alto: alzo lo sguardo e mi accordo che in questo aereo le bocchette dell’aria condizionata sono posizionate lungo tutto il perimetro dell’abitacolo, dal parte dei finestrini.

E qui scatta l’ingegno italiano. Indovinate un po’ che cosa si sono inventati i passeggeri per evitare di essere ghiacciati dai  refoli d’aria condizionata? Eccovi la risposta.

Aria

Geniale! Hanno strappato le pagine della rivista di bordo, le hanno piegate a fisarmonica e le hanno inserite nell’interstizio dal quale proviene il getto d’aria.

Osservando attentamente ho notato che tutta la canarina è stata bloccata con questo stratagemma: ovviamente il personale di bordo non si preoccupa di levarle, quasi a confermare che è l’unico sistema per rendere confortevole il viaggio.

Complimenti, Alitalia!

AGGIORNAMENTO: Mi hanno fatto notare che non devo lamentarmi con Alitalia, ma con il costruttore dell’aereo. Non so chi sia, comunque complimenti!

AmericaCube (c) 2016. Powered by Blogger.